Digital MarketingGuadagnare OnlineSocial Media

Come funziona Google My Business

Google My Business è un servizio online completamente gratuito, facile da usare ed incredibilmente efficace, che può aiutare le piccole imprese locali ad aumentare la visibilità della propria attività.

In questo articolo risponderemo a domande quali:

cos’è google my business” o “come funziona Google My Business”?

Tutto quello che devi sapere su Google My Business: come funziona, quali sono i vantaggi e perché è importante sfruttarlo

Partiamo dalle basi e con ordine: Google My Business è il servizio che Google ha sviluppato per le attività commerciali locali. Attraverso questo servizio, negozianti e imprenditori possono comunicare ai clienti o potenziali tali, tutta una serie di informazioni relative al punto vendita.

Google My Business è nato nel 2014. È il servizio per promuovere la propria attività professionale attraverso una serie di servizi Google, indipendenti gli uni dagli altri.

Google, da tempo aveva avviato il processo di unificazione dei servizi e delle interfacce di gestione. I servizi Google Places (Maps), le Pagine Google+ Business e Local (social), che un tempo erano distinti, sono stati portati all’interno di un unico prodotto che oggi si chiama Google My Business.

Il nuovo Google My Business

Attraverso Google Places, infatti, era possibile rivendicare la scheda anagrafica della propria azienda presente su Google Maps, per gestirne e aggiornarne in autonomia i dati. Con l’avvento di Google+, si è creata una nuova esigenza, duplice: l’interazione. Interagire, attraverso la propria pagina aziendale con i potenziali clienti; postare foto, promozioni, aggiornamenti, ma anche rispondere alle recensioni, sia positive che negative. 

la pagina iniziale di google my business

Da allora Google My Business è diventato un punto di riferimento digitale per qualsiasi attività, fungendo da collante tra il mondo online e offline. Da quel lontano 2014 sono stati fatti passi giganti nel mondo web: oggi non essere presenti su Google significa perdersi una grande fetta di pubblico.

Fortunatamente basta poco per segnalare alla società di Mountain View l’esistenza della propria attività. In questo modo potete sfruttare tutte le ultime novità. A partire dal recente aggiornamento (gennaio 2018) di Google My Business che, dopo svariati mesi di test, introduce la possibilità di caricare i video sul proprio profilo.

Le aziende già presenti su Google Maps, possono rivendicare la proprietà della scheda facilmente. Le aziende NON ancora presenti su Google Maps, possono crearsi direttamente un account Google My Business.

Le opportunità per le imprese locali

Lo sappiamo tutti che le ricerche su Google sono la quotidianità. Ormai non si dice più cerca sul web, si dice cerca su Google. Oltre il 70% delle ricerche viene effettuate su Google, che domina incontrastato il mondo delle ricerche web.

Le imprese si devono contendere l’attenzione del cliente su Google, in particolare per la famosa conquista della prima pagina dei risultati, dove la stragrande maggioranza delle persone si aspetta di trovare ciò che cerca.

Ma la cosa interessante, è che circa un terzo delle ricerche complessive ha come intento una ricerca locale: in altre parole, una persona su tre utilizza Google per cercare prodotti o servizi vicino alla propria posizione o informazioni riguardanti un luogo specifico.

Non solo: secondo Google i 3/4 delle persono che fanno un ricerca locale tramite i propri dispositivi mobile visita l’azienda nelle prime 24 ore, e quasi un terzo di essi finische per completare l’acquisto.

Alcune interessanti informazioni si possono ottenere that Think with Google

Inoltre ti voglio raccontare un piccolo segreto, l’assenza della competizione online di milioni di micro e piccole attività locali, dal momento che un terzo di esse non possiede nemmeno un dominio web e le restanti usano principalmente la posta elettronica.

Mentre voi, le imprese che sfruttano questa opportunità, potrete godere di un importante vantaggio competitivo, a fronte di un impegno strategico minimo, che potete anche delegare a delle agenzie come la nostra.

Di contro, le imprese che sfrutteranno queste opportunità potranno godere di un importante vantaggio competitivo, e a fronte di un impegno strategico minimo, ottenere da subito risultati tangibili.

Google My Business: ma come funziona?

Praticamente si tratta di un gestore delle Schede di Attività, che non sono il riquadro informativo che appare quando si effetua una ricerca locale su Google.

Se effettuate una ricerca locale, di solito includete il nome di un posto oppure una categoria seguita dalla località.

Schermata di Google Maps che mostra il risultato di una ricerca di ristoranti giapponesi a Lugano
Le schede appaiono a sinistra nelle ricerche su Google Maps
Schermata di ricerca di ristoranti giapponesi a Lugano, con le schede dei vari ristoranti in evidenza
In una ricerca standard, le schede godono di maggior evidenza e visibilità

Tutte queste informazioni sono state inizialmente generate da Google automaticamente, in base alle informazioni pubbliche disponibili sul web. Ma ora attraverso Google My Business, il propretario di un’attività può ottenere il controllo della scheda o crearne una nuova, se non esiste.

Per poter accedera alle schede di Google My Business basta disporre di un account Google e seguire una semplice procedura di registrazione e verifica. Una volta ricevuta la lettera di verifica a casa, attraverso un pannello si potrà:

  • gestire le informazioni mostrate da Google quando le persone cercano il vostro prodotto/servizio.
  • rispondere alle persone che pongono delle domande oppure che vi lasciano sulla vostra attività.
  • pubblicare foto, video e post di aggiornamento sulle ultime novità, eventi, promozioni.
  • analizzare le statistiche e capire come le persone entrano in contatto con la vostra attività
schermata del panello di controllo di Google My Business
La dashboard di controllo delle vostre schede

Soddisfare i bisogni dei clienti con le schede

Nel mondo “reale”, le attività locali di solito utilizzano strumenti come insegne, cartelloni publicitari, volantini, inserzioni su quotidiani, ect., per comunicare la propria presenza e attirare l’attenione dei clienti.

La cosa bella del mondo digitale è che le attività appaiono nei risultati in relazione alle ricerche dei clienti con diversi fattori.

Si voi ottimizzate la vostra presenza su Google My Business è possibile intercettare gli intenti di ricerca e rispondere alle esigenze dei potenziali clienti che si trovano vicino alla vostra attività.

Di solito ci sono tre tipi di intenti che possiamo soddisfare con le nostre schede:

1)Intento di contatto – si tratta di persone che già conoscono la vostra attività e cercano una maniera di raggiungervi o contattare. La ricerca di solito include l’indirizzo, gli orari o il numero di telefono. Dovete per forza avere una scheda ottimizzata e completa per avere il risultato migliore.

Schermata di ricerca di Google per gli orari di apertura del vespucci cafe a Lugano
In questo caso gli orari di apertura sono subito stati mostrati

2)Intento di acquisto pianificato – si tratta di una ricerca di un prodotto/servizio specifico da acquistare/fruire in una detarminata località.

Schermata di ricerca Google per co-working a Lugano
Se volete cercare un spazio di co-working a Lugano, ma non sapete specificatamente di quale

3) Intento di acquisto urgente – si tratta di persone che devono acquistare qualcosa nel più breve tempo possibile nelle vicinanze. Per esempio vi trovate fuori sede e avete bisogno di una riparazione urgente.

Schermata di ricerca di Google per riparazione di vestiti a Lugano
Avete urgente bisogno di una sartoria per riparare un vestito

Ottieni il massimo da una scheda My Business

Ora che abbiamo capito di cosa si tratta Google My Business, dobbiamo ottenere il massimo dalla vostra scheda, assicurando alla vostra attività una corretta presenza su Google.

La prima cosa da fare è attivare la vostra scheda My Business, successivamente si dovrà mettere in piedi una strategia di protezione, cura e aggiornamento che consenta all’attività di apparire nelle prime posizioni e battere la concorrenza.

Ecco sei punti per creare una presenza efficace e d’impatto:

Curare i dati identificativi della vostra attività

È fondamentale che tutte le persone capiscano facilmente chi siete, cosa fate, dove siete e come vi possono contattare. Importante dunque compilare tutti i campi disponbili, nella maniera più accurata possibile.

Nome – inserite il nome della vostra attività. Evitate di mettere le ragioni sociali (Sagl, SA, ect.). Potete invece inserire il vostro slogan se lo avete. Ad esempio: “Planer Wellness Village – Il tuo villaggio del benessere“.

Categoria – avete a disposizione ben 2.395 categorie disponibili da scegliere. Scorrette tutte le possibilità e selezionate quella migliore per voi. Per esempio se siete un medico specializzato in pediatria, non selezionate “Medico” ma dovrete selezionare “Medico Specialista Pediatria“.

Descrizione – In questo campo avete la possibilità di descrivere la vostra attività più in dettaglio. Non scrivete cose troppo banali, avete a disposizione 700 caratteri cercate di distinguervi dalla concorrenza. Scrivete la vostra storia, la vostra personalità e ciò che vi rende unici.

Indirizzo, telefono, orari di apertura – Verificate attentamente che queste informazioni corrispondono sulla mappa di Google e con il vostro reale indirizzo. Inserite con precisione i giorni e gli orari di apertura e le chiusure programmate. Ricordatevi di tenerle aggiornate per aiutare i clienti a trovarvi.

Link al sito web – Se lo avete dovete inserire il link del vostro sito internet, se non lo avete Google vi offre la possibilità di creare il vostro sito gratuitamente in pochi minuti. Ma io consiglio di affidarsi a un servizo professionale come il nostro, per ottenere un sito bellissimo e personalizzato.

Attributi aggiuntivi – Alcune categorie particolari come hotel, ristoranti e bar possono aggiungere molte altre informazioni importanti dei loro servizi e prodotti offerti (wi-fi, ingresso per disabili, menù, aria condizionata, ect.).

Curare la parte visiva dell’attività

È il momento di curare la vetrina digitale della vostra attività con dei contenuti.

Immagine del profilo e Copertina – Abbiamo imparato tutti tramite Facebook che l’immagine di profilo e la copertina sono molto importanti. Anche nelle schede di Google My Business dovete avere una “brand identity” che corrisponda con quella reale.

Foto e video – Qui avete l’opportunità di creare uno spazio dove potete raccontare visivamente cosa fate, come, dove e con chi. Inserite video del vostro team, della sede, dei prodotti che offrite, ma anche eventi live, il backstage del vostro lavoro, promozioni e informazione.

Gestire la reputazione interagire con i clienti

Diciamo la verità, anche in questo mondo digitale del marketing, la leva più efficace rimane comunque il passaparola. Esiste ancora. Ma ora è diventato digitale e viene condiviso molto più rapidamente. Rispondete ad ogni richiesta prima, durante e dopo l’acquisto.

Domande – Attraverso la vostra scheda Google My Business gli utenti possono porre delle domande per ottenere tutte le informazioni specifiche. Rispondete con cortesia a tutte le domande, esattamente come se fosse nel vostro negozio. Potete anche creare una rapida serie di FAQ (domande più frequenti) che possano aiutare i vostri clienti nella scelta.

Recensioni – Negli ultimi anni le recensioni sono diventate un parametro chiave per la scelta degli utenti per orientare la loro scelta d’acquisto. Di conseguenza, non potete lasciare perdere le recensioni, positive o negative. È ovvio che con più recensioni positive avrete, maggiori possibilità di concludere una vendita. Potete creare un link personalizzato (qui link) da distribuire anche attraverso i social media per incentivare i clienti a lasciarvi delle recensioni.

Catturare l’attenzione con i Post di Google My Business

Con la funzione post, potete aggiornare constantemente i vostri clienti delle vostre promozioni, eventi, nuovi prodotti o iniziative nuove. Tutto questo direttamente all’interno della vostra scheda.

Nella scheda i post vengono evidenziati in maniera efficace, e si rilevano un’arma efficacissima per emergere tra i risultati della ricerca.

Ci sono diversi tipi di post, come “Novità” , “Evento” , “Offerta” , “Prodotto” e potete inserire del testo, link, foto, video e informazioni aggiuntive.

Molto importante ricordare che i link esterni possono essere assciati ad un pulsante e/o ad una call to action, a scelta tra “Prenota“, “Ordina” , “Acquista“, “Ulteriori Informazioni” , “Registrazione“, “Vai all’Offerta“, “Chiama Ora

Nel vostro piano editoriale mensile per i social media, dovete sicuramente includere i Post di Google My Business. Vi consiglio di utilizzare una piattaforma di social media management come Buffer, oppure chiedere direttamente a noi un preventivo gratuito.

Allestire il catalogo dei Prodotti

Nel 2018 è stata aggiunta una nuova scheda nella dashboard di gestione Google My Business denominata “Prodotti (beta)“, disponibile solo per alcune tipologie di piccole imprese.

In questa sezione potrete inserire e caricare i propri prodotti ed organizzarli in un catalogo suddiviso per “Collezioni“.

Per ogni “Collezione” potete aggiungere nome, descirzione, immagine e prezzo. La funzionalità Prodotti, consente alle attività con vendita al dettaglio di allestire un vero e proprio catalogo all’interno della scheda e metterlo in bella evidenza con pocchissimo sforzo.

Analizzare le statistiche

Come ogni strumento digitale che utilizziamo, anche in questo caso con Google My Business dobbiamo eseguire delle analisi. In che modo i clienti cercano e trovano la vostra attività? Come interagiscono con la vostra scheda? Quali sono i contenuti più visti ed apprezzati?

Grazie alle statistiche di Google My Business potete ottenere queste informazioni:

  • Come ti trovano i clienti – vi viene mostrato quanti client vi hanno trovato in modo diretto (ricerca basata su nome o indirizzo) rispetto a quelli che vi hanno trovato in maniera indiretta (tramite ricerca basata su categoria, prodotto).
  • Dove si trovano i clienti su Google – vi mostra quanti clienti vi hanno trovato su Google Ricerca o su Google Maps.
  • Azione dei clienti – riporta le azioni compiute dai vostri clienti sulla scheda, suddivise per diverse categorie (visite al sito, richieste indicazioni stradali, telefonate e visualizzazioni foto).
  • Richieste di indicazioni stradali – mostra una mappa in cui sono evidenziati i luoghi dai quali gli utenti di Google Maps hanno richiesto più spesso indicazioni stradali per raggiungere la vostra sede.
  • Telefonate – mostra quando e quale frequenza i clienti vi hanno contattato telefonicamente con l’utilizzo della scheda Google.
  • Foto – numero di foto associate alla vostra scheda e la frequenza con cui vengono visualizzate rispetto ai vostri competitor.

Nella sezione Post potete poi trovare le informazioni sulle visualizzazioni e il numero di click su ogni Post pubblicati.

Vantaggi e Benefici della ottimizzazione su My Business

Curare ed aggiornare la scheda My Business ha ricadute e benefici indubbi ed importanti.

A cominciare da una questione di semplice opportunità competitiva: sono tantissime le imprese locali che non hanno ancora reclamato la proprietà della loro scheda attività. Secondo Google invece, le attività verificate su My Business hanno il doppio delle possibilità di essere considerate affidabili dai clienti. 

Molte delle attività presenti inoltre, non cura o aggiorna adeguatamente la propria scheda, ed anche questa è un’opportunità preziosa da cogliere.

Infatti, uno dei tre fattori utilizzati da Google per determinare il posizionamento delle attività nei risultati di una ricerca locale, è la cosiddetta pertinenza, ovvero il livello di corrispondenza di una scheda locale con la ricerca di un utente.

Più complete ed accurate saranno le informazioni inserite, maggiori saranno le probabilità di apparire prima dei nostri concorrenti. La sola presenza di foto e video genera infatti il 42% in più di richieste di indicazioni stradali e il 35% in più di clic sul sito web, rispetto alle schede senza foto.

Il terzo fattore di posizionamento, dopo la distanza, è l’evidenza, calcolata in base al livello di notorietà di un’attività (quanto è famosa o popolare), di autorità (in base alle informazioni che Google ricava dal Web) e di reputazione (recensioni e punteggio di Google).

Di conseguenza, maggiori saranno le interazioni, le recensioni e le valutazioni positive ricevute, migliore sarà il posizionamento nei risultati di ricerca. 

Ultimo beneficio, ma non in ordine di importanza, è l’influenza che la scheda My Business ha nel posizionamento generale del sito web collegato. Secondo gli esperti di settore, la scheda My Business è il primo segnale preso in considerazione da Google per stabilire il posizionamento di un sito nelle ricerche: 

Tabella a torta che mostra l'importanza  della scheda di My Business sul posizionamento generale del sito web collegato

Conclusioni

La maggioranza delle persone utilizza quotidianamente e pù volte, il web (o Google) per cercare e scegliere servizi, prodotti da aquistare, compresi i vostri. Farsi trovare pronti è una vostra responsabilità, dovete intercettare le esigenze dei vostri clienti prima della concorrenza, aumentando le vostre vendite e il numero di clienti.

Google My Business è uno strumento (gratuito) potete ed efficace, che potrà aiutare le piccole e medie imprese locali a competere al meglio. Se vi rinunciate sarebbe come dire “no grazie” a una pubblicità gratuita all’uscita autostradale più importante di Zurigo.

Con un minimo investimento di tempo e di risorse, potete già fare la differenza. La vostra attività locale beneficerà notevolmente di questo strumento e se vi manca il tempo potete contattarci per la gestione professionale della vostra scheda.

La mia newsletter
Ricevi una volta a settimana una mia selezione di super contenuti sul mondo digitale, marketing e business. Libri, tool, video, post, eventi e tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.
Ho letto l'informativa privacy
We respect your privacy
Tags

Stefano Dias

Mi chiamo Stefano ho 35 anni e ho aperto questo blog per poter condividere con voi la mia passione per il mondo digitale. Attraverso queste pagine voglio potervi fornire gli strumenti necessari per sfruttare al massimo gli strumenti di digital marketing. Sempre con un tono molto allegro e divertente.

Articoli Simili

Back to top button
Close
Vai alla barra degli strumenti